2000battute

«Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.» –Tomasi di Lampedusa

Camminare – Thomas Bernhard

 

CAMMINARE
Thomas Bernhard
Traduzione di Giovanna Agabio
Adelphi 2018

La pubblicazione di Camminare è ovviamente un evento, un grande evento, e per chiunque ami Thomas Bernhard la lettura di Camminare è imprescindibile. Non avrebbe senso anche soltanto ragionare per assurdo domandandosi se possa esserci qualche ragione valida per decidere di non leggerlo. Non si pone la questione. Non tutto è questionabile su questa terra, se uno ama Bernhard non ha senso far finta di rimuginare se sia il caso o no di leggere Camminare.  Per chi non lo ama, non lo conosce, o ne ha solo una conoscenza incerta, allora il problema si può porre e io direi che forse è meglio iniziare da altri libri, diciamo i capisaldi dell’opera bernhardiana, Perturbamento, Antichi Maestri o Il soccombente, per citare qualche titolo. Se si viene folgorati dall’amore folle per il sublime commediante austriaco, allora tutto di Bernhard è necessario, anche Camminare.

Camminare, se vogliamo dirla in modo borghese è una produzione di nicchia, per appassionati, per drogati, tanto eccessiva quanto rara, Camminare è uno di quei testi brevi con i quali Bernhard ha scatenato il suo demone grottesco e irrefrenabile in uno spazio ridotto e senza forma – I miei premi ad esempio è un altro di questi – una turlupinatura divina del buonsenso e della tragedia del vivere, ironico nel dramma, drammatico nella caricatura, Bernhard scrive un’opera buffa e dirompente, la sua anima profondamente teatrale da scrittore di commedie umane qui si dimena selvaggiamente e lui ride, lo si sente ridere incontenibile, è una risata titanica la sua. La scrittura esce dalle righe, dai margini, sale oltre i toni estremi che gli conosciamo, eccede l’eccesso, l’ossessione diventa tribale e clownesca, lo sproloquio del folle che riporta le parole del secondo folle che racconta della follia definitiva del terzo folle si attorciglia in dodecafonie cervellotiche, trascina, diverte, affascina, roboante risuona come un gong, come una percussione da polipo, è un ritmo pazzo quello che imprime, è una valanga di sassi e fango che precipita a valle, Bernhard folle meraviglioso, principe dei commedianti, letto oggi, Camminare sembra il commiato lungamente preparato e servito quando meno ce lo si aspettava, è l’uscita di scena trionfale del più grande tra i grandi, l’addio al Novecento, l’indimenticabile secolo breve, crudele e meraviglioso, è lo sproloquio definitivo, la sublimazione di tutta l’insensatezza del vivere, della ragione e della parola.

È semplicemente meraviglioso, gioia assoluta.

Un brano.

E stare con una persona continuamente irrequieta, uno che s’immagina sempre di essere irrequieto, è quanto di più difficile, dico a Scherrer, dice Oehler. Anche se nulla indicava uno o più motivi d’irrequietezza, se tutto non indicava la minima irrequietezza, Karrer era irrequieto, perché aveva l’impressione (la sensazione) di essere irrequieto, perché ne aveva motivo, come credeva. In Karrer si poteva studiare la teoria secondo la quale si è tutto ciò che si immagina di essere, ad esempio si era sempre immaginato, e probabilmente se l’era immaginato per un’intera vita, di essere affetto da una malattia mortale, senza sapere di quale malattia mortale fosse affetto, e quindi con ogni probabilità e certezza, dico a Scherrer, dice Oehler, secondo questa teoria era davvero affetto da una malattia mortale. Se noi ci immaginiamo una condizione mentale, una qualsiasi, siamo in questa condizione mentale e quindi anche nella condizione patologica che immaginiamo, in ogni condizione in cui ci immaginiamo di essere. E noi non ci lasciamo distogliere da ciò che immaginiamo, dico a Scherrer, e quindi nulla, soprattutto nulla di esterno, può levare ciò che abbiamo immaginato. L’incredibile sicurezza di sé da una parte e l’incredibile inconsistenza e inettitudine dei medici psichiatri dall’altra, penso, mentre siedo di fronte a Scherrer e dico queste cose su Karrer e soprattutto sul comportamento di Karrer nel negozio di Rustenschacher, dice Oehler. Scherrer ascoltava con attenzione, ma senza il minimo acume, dice Oehler.

Note:
– Esce il 13 marzo. La mia copia l’ho acquistata anticipatamente da una delle rivendite dove abitualmente mi servo. Nessuno scambio è intercorso tra me e l’editore.

5 commenti su “Camminare – Thomas Bernhard

  1. Ernesto Sgarano
    26 marzo 2018

    Anzi, non tutto esatto direi. Ho riletto più volte la tua recensione che condivido totalmente. Io, per usare una tua espressione, sono un drogato di Bernhard. Ed è per questa ragione che ho intrapreso una battaglia personale con Adelphi da oltre 5 anni. Scrissi la prima volta che da studioso e appassionato trovavo “grottesco” che nella culla della cultura Gehen non fosse mai stato tradotto da nessuno. Il libro, aggiunsi, si trova in portoghese e in finlandese e in italiano no? (tu dici “ripubblicazione” ma a meno di una mia dimenticanza non credo fosse mai stato tradotto prima, così le mie 9 lettere con cadenza quadrimestrale ad Adelphi con tanto di “non si preoccupi stiamo provvedendo” sembra abbiano, alla fine, avuto successo e mi prendo, per scherzo e senza supponenza, anche un po’ di merito. Tanto tuonò che piovve. Cordiali saluti.

    • 2000battute
      26 marzo 2018

      Quando l’ho scritto ero certo di aver letto un riferimento a una precedente pubblicazione, che però pare non esistere.
      Me lo sono sognato oppure ho preso per buono uno che se l’era sognato.
      Ho corretto il testo, grazie per avermi fatto notare l’errore.

  2. Ernesto Sgarano
    24 marzo 2018

    Esatto. Esatto. Esatto.

    • eugenio premuda
      27 aprile 2018

      bello sapere di non essere il solo herzog a mandare lettere disperate agli editori (alla feltrinelli per uwe johnson a dalai per peter nadas, a voland per il nuovo cartarescu e a destinatari fantasma per john’s wife di coover, per william gass, per joseph mcelroy, per gaddis ecc. ecc.)

      grazie Ernesto, ho divorato e continuo a rimuginare Camminare

    • 2000battute
      27 aprile 2018

      non siamo soli.

Commenta, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 marzo 2018 da in Adelphi, Autori, Bernhard, Thomas, Editori con tag , , , .

Copyleft

Licenza Creative Commons
2000battute è distribuito con licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Autori/Editori

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: