2000battute

«Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.» –Tomasi di Lampedusa

I soldati delle parole – Frank Westerman

I SOLDATI DELLE PAROLE
Frank Westerman
Traduzione di Franco Paris
Iperborea 2017

Adoro i reportage e Frank Westerman ne scrive di grandiosi, per cui quando lo trovo, prendo e leggo. Però anche Frank Westerman, come un po’ tutti d’altra parte, ha le sue giornate no, a volte inciampa o s’impunta o s’infila per una strada che si stringe troppo.

I soldati delle parole – che a ripensarci già il titolo aveva un suono un po’ fesso – non è un gran reportage e nemmeno una lettura particolarmente interessante. Westerman scrive bene e cerca di spremerne il massimo, ma è proprio il soggetto a essere fiacco. Si parla di terroristi e di mediatori della polizia, questi ultimi sarebbero i soldati delle parole, non un soggetto poco esplorato, soprattutto dal cinema che ne ha fatto quasi un genere a se stante. Per la parte dei terroristi, Westerman guarda nel giardino di casa prendendo in considerazione i molucchesi che negli anni ’70 in Olanda compirono alcune azioni sanguinose, tardi colpi di coda del periodo post-coloniale. Una parte più ridotta è dedicata alle azioni cecene di Shamil Basayev. Per il ruolo di mediatore, la parte di protagonista è riservata al capo mediatore incaricato dalla polizia in tutti i sequestri ad opera di molucchesi, una figura carismatica qui riportata con dialoghi e inquadrature cinematografiche. C’è anche una parte di alleggerimento con lo stesso Westerman che racconta di quando partecipò, da giornalista, a un corso per mediatori della scuola di polizia olandese. Impacci e ingenuità ovviamente abbondano, prima di una presa di coscienza e comprensione del ruolo.

Dopo aver letto Ingegneri di anime, l’opera più celebre di Westerman, un libro stupendo che attraversa i generi letterari e si immerge in un mondo dai contorni irreali, il confronto con questo è impietoso. Anche il più recente L’enigma del lago rosso era di gran lunga più coinvolgente, interessante e ricco di suggestioni di questo I soldati delle parole. Questo è un reportage giornalistico di intrattenimento allungato fin oltre l’opportuno per farne un libro.

Nient’altro da aggiungere, Frank Westerman rimane uno scrittore di reportage sublime e man mano che li trovo leggerò tutti gli altri suoi libri, però anche lui inciampa o talvolta s’infiacchisce o ha delle bollette arretrate da pagare.

Commenta, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 luglio 2018 da in Editori, Iperborea, Westerman, Frank con tag , , , , .

Copyleft

Licenza Creative Commons
2000battute è distribuito con licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Autori/Editori

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: