2000battute

«Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.» –Tomasi di Lampedusa

Nightmare Alley – William Lindsay Gresham

NIGHTMARE ALLEY
William Lindsay Gresham
Traduzione di Tommaso Pincio
Sellerio 2021

Il libro è del 1946, l’autore statunitense, uno di quegli scrittori che nella vita si sono arrangiati facendo cento mestieri, sempre bordeggiando il confine tra la rispettabilità borghese e il sottobosco notturno. Gresham scrive, come immagino facessero in tanti, con che spirito e intenzioni non lo sappiamo. Tentò il suicidio, di nuovo non sappiamo il motivo, ma il gancio nel muro si staccò e il tentativo fallì. Poi, come nella più classica delle storie americane, arrivò il successo con questo Nightmare Alley da cui venne prodotto un film con l’allora celebre Tyrone Power che divenne un classico del cinema noir. Di nuovo, come nella più classica delle classiche storie del Sogno Americano finito in malora, al successo effimero seguì il drammatico crollo. Gresham si ammalò, il successo svanì e infine morì solo e dimenticato, questa volta senza l’inconveniente del gancio che si stacca dal muro ma con una più affidabile overdose di barbiturici.

Nightmare Alley, della vita dalle molte svolte, precaria e in definitiva irrisolta del suo autore, conserva tutte le caratteristiche: inizia come storia circense, cambia registro virando sempre più deciso sul noir, cresce per accumulo di dettagli e intrecci che vanno via via incastrandosi, ma alla fine rimane irrisolto, come se una volta giunto allo zenit della tensione, nel momento cruciale di ruotare il meccanismo narrativo per passare dal registro noir a quello drammatico del fallimento esistenziale, la grande vivacità di scrittura che aveva guidato la storia fino a quel punto improvvisamente cedesse il passo a uno stato di depressione creativa, come in un crollo nervoso che blocca la sfrenatezza dei pensieri e li contrae in un crampo. Nightmare Alley è un ottimo libro che si disintegra al momento di imboccare il rettilineo d’arrivo, al tempo delle scelte irrevocabili e della chiusura di tutti i pensieri. 

Ovviamente il parallelo tra la parabola narrativa e la vita dell’autore viene facile e con ogni probabilità è una cretinaggine. Tuttavia non lo sappiamo, quindi il giudizio rimane per forza sospeso in eterno. 

Quello che resta è comunque una trama brillante e il personaggio di Stan che emerge come un altro dei personaggi del noir americano da ricordare. Anche il personaggio femminile di Molly spicca, apparentemente semplice ma che lascia sospettare una ricchezza interiore nascosta. Il fatto di non averlo sviluppato abbastanza, e anzi averlo in pratica abbandonato nel finale, è uno dei momenti topici della rottura del meccanismo narrativo, l’eclissarsi ingiustificato di Molly coincide con lo squagliarsi della tensione che teneva insieme le parti della storia e la proiettava verso il finale. A Gresham i personaggi si sono sgretolati tra le mani. Poco male per il film con Tyrone Power, molto peggio per il testo letterario. In ogni caso è una lettura piacevole.

Prima di concludere però non si può non citare la fascetta. 
Certo, commentare le fascette è come sparlare del Festival di Sanremo o deridere il grottesco del generone che (una volta) affollava i premi letterari, ma fino a che le fascette e il generone incremato continueranno a esistere, anche i commenti sarcastici hanno ragione d’essere. 

Che poi non servono tante parole, basta l’immagine, leggere “forza dostoevskiana” e sghignazzare di loro.

Un commento su “Nightmare Alley – William Lindsay Gresham

  1. Lucio Campiani
    17 agosto 2021

    Le fascette dei libri sono l’unica cosa che non conservo. Mai. ^_^ Tuttavia, prendo in considerazione la lettura di questo libro, magari da prestito bibliotecario. Thanks.

Commenta, se vuoi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 agosto 2021 da in Autori, Editori, Gresham, William Lindsay, Sellerio con tag , , , .

Copyleft

Licenza Creative Commons
2000battute è distribuito con licenza Creative Commons 2.5 Italia.

Autori/Editori

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: